Desmite del Legamento Sospensore del Nodello nel Cavallo | Osteopata Ginnastica Equino Roma – OSTEOPATA MARZIALE

Desmite del Legamento Sospensore del Nodello nel Cavallo | Osteopata Ginnastica Equino Roma

OSTEOPATA D.O.m.R.O.I. Corso Roma | Isola del Liri

Desmite del Legamento Sospensore del Nodello nel Cavallo | Osteopata Ginnastica Equino Roma

Novembre 28, 2018 patologie cavallo 0

Di M.T. Brokken,Osteopata Equino Veterinario, College of Veterinary MedicineLe


Le informazioni presenti in questo articolo sono di carattere generico e sono fornite a scopo educativo e di intrattenimento. Nessuna informazione presente deve essere considerata come consiglio medico o come soluzione ad un problema di salute. Giuseppe Marziale Osteopata non divulga servizi medici o servizi professionali sulla salute e non garantisce l’accuratezza e la completezza delle informazioni rese disponibili. Nel testo, non tutte le persone possono seguire questi consigli. Consultate il vostro medico di fiducia per accertare che condizioni vi permettano di poter praticare in totale sicurezza i consigli proposti da Marziale Giuseppe Osteopata. Giuseppe Marziale Osteopata non è responsabile per danni, infortuni, danni fisici o altri danni alla vostra persona. Proseguendo la lettura di questo articolo sollevi Marziale Giuseppe Osteopata da ogni responsabilità derivante dal suo utilizzo e accettate di utilizzare le informazioni presenti a vostro rischio.


desmitie del sospensore del nodello nella parte alta o prossimale



IL TUO CAVALLO NON AVANZA? SI IMPUNTA? ZOPPICA?

>>CHIAMA e PRENOTA<<



1. Desmitie del sospensore del nodello nella parte alta o prossimale (PSD)

Il termine desmitie del sospensore del nodello nella parte alta o prossimale (PSD) è limitato alle lesioni confinate a un terzo prossimale del metacarpo.
PSD può verificarsi o su un solo arto o su entrambe le zampe ed è una lesione comune in tutti i tipi di cavalli atletici, da corsa e da concorso.
La lesione al legamento sospensore del nodello nella parte alta o prossimale provoca tipicamente una zoppia improvvisa che sembra migliorare entro pochi giorni.
La zoppia varia da lieve a moderata e in genere non è grave a meno che non vi sia un coinvolgimento sostanziale del legamento e del suo attaccamento all’osso.



Rimedi Naturali, Osteopatia nella Malattia della linea bianca (White Line Disease) del cavallo



La diagnosi di desmite del legamento sospensore del nodello nella parte alta o prossimale
Se il cavallo ha la lesione sospensore del nodello nella parte alta o prossimale bilaterale, possono esserci meno zoppie evidenti ma più perdita di propulsione del cavallo.
La zoppia è in genere più evidente sul terreno morbido e con la gamba interessata all’esterno del cerchio.
La risposta al test Medico Veterinario dell’arto e / o alla flessione del nodello è variabile.
La digito-pressione applicata alla regione metacarpale può provocare dolore; tuttavia, questa risposta / reazione dovrebbe essere confrontata con quella dell’altra arto per determinare il significato.
La diagnosi di PSD richiede di solito l’anestesia da parte del Veterinario, perché in genere i cavalli non hanno segni clinici (ad esempio calore, dolore, gonfiore) che consentono di localizzare la zoppia in questa regione.
Dopo aver localizzato la zoppia, il Medico esegue le radiografie e l’esame ecografico della regione. sospensore del nodello nella parte alta o prossimale deve essere confrontata in modo critico con quella dell’arto inferiore, ricordando che esistono lesioni bilaterali. La scintigrafia nucleare può aiutare a rilevare la lesione ossea all’attaccaturasospensore del nodello nella parte alta o prossimale, ma le immagini scintigrafiche negative non escludono la presenza di PSD.
La risonanza magnetica è anche estremamente utile per rilevare sottili cambiamenti nel legamento sospensorio prossimale che potrebbero non essere visibili o conclusivi con l’ultrasonografia.
Inoltre, la risonanza magnetica consente un esame accurato delle strutture ossee adiacenti al legamento sospensore del nodello nella parte alta o prossimale.

Al contrario di PSD sulla zampa posteriore, la maggior parte dei cavalli con PSD acuto all’arto anteriore risponde bene al riposo e un programma di esercizi controllati per 3-6 mesi.
Il ritorno prematuro al lavoro tipicamente si traduce in persistenza della zoppia.
I cavalli con PSD cronica possono richiedere un programma di riabilitazione più lungo o una terapia aggiuntiva (FANS, onde d’urto, terapie rigenerative) per tornare a un lavoro coerente.


Desmite del legamento sospensore del nodello nella parte centrale o corpo




Il tuo cavallo ha dolore. Sei sicuro di accorgertene sempre?

>>WathApp solo Prenotazione<<



2. Desmite del legamento sospensore del nodello nella parte centrale o corpo

Questa è principalmente una patologia per i cavalli da corsa, ippica del trotto e del galoppo.
Le ferite di solito colpiscono gli arti anteriori dei purosangue.
Il dolore alla palpazione del legamento sospensore del nodello nella parte centrale o corpo anteriore è abbastanza comune nei cavalli con zoppia associata a un problema agli arti.
L’anomalia strutturale dei legamenti è solo raramente identificabile ultrasonograficamente.I segni clinici variano e coinvolgono l’ispessimento del legamento, il calore locale, il gonfiore e il dolore.
La diagnosi è di solito basata su segni medico-clinici e può essere confermata a livello ecografico. La terapia Medico Veterinaria Classica prevede infiltrazione plasma ricco di piastrine e terapia con cellule staminali sono state utilizzate anche per le lesioni del legamento.
Il trattamento mira a ridurre l’infiammazione da FANS sistemici, idroterapia e esercizio controllato.Fisioterapia Terapia dell’onda d’urto


Desmiti del legamento sospensore del nodello nelle sue parti laterali o rami




LE DIVERSE TIPOLOGIE DI TRATTAMENTO OSTEOPATICO



3. Desmiti del legamento sospensore del nodello nelle sue parti laterali o rami

Questo infortunio relativamente comune è visto in tutti i tipi di cavalli negli arti anteriori e nelle arti posteriori.
Di solito viene colpito solo un singolo ramo in un singolo arto, sebbene entrambi i rami possano essere colpiti, specialmente negli arti posteriori.
Lo squilibrio del piede è spesso riconosciuto nei cavalli affetti da desmite legamento sospensore del nodello nelle sue parti laterali o ramie questo può essere un fattore predisponente.
I segni medico-clinici dipendono dal grado di danno e dalla cronicità (da quanto tempo il cavallo zoppica) della / e lesione / i e comprendono calore e gonfiore localizzati. legamento sospensore del nodello nelle sue parti laterali o rami è spesso dovuto a edema locale del ramo interessato.



DOLORE AL GARRESE? SALVA IL GARRESE DEL TUO CAVALLO

>>CHIAMA E PRENOTA<<



Il dolore è di solito provocato da una digito-ressione diretta applicata al ramo danneggiato o dalla flessione del nodello da parte del Medico Veterinario.
La zoppia è variabile e può essere assente.
La diagnosi è basata su segni medico-clinici ed esame ecografico.
Il legamento sospensore del nodello nelle sue parti laterali o rami sulle ossa sesamoidi prossimali. L’anestesia medico diagnostica in 4 punti e l’analgesia intrarticolare dell’articolazione migliorano la zoppia.
L’ecografia può rilevare una serie di anomalie, tra cui l’ispessimento, l’alterazione della forma e le alterazioni in termini di ecodensità del legamento sospensore del nodello nelle sue parti laterali o rami. La gestione dipende dalla gravità dei segni clinici e dalla razza e dall’uso del cavallo.
Terapia ad onde d’urto, anti-infiammatori locali e terapia rigenerativa con Laser sono stati tutti usati con risultati variabili.
La rigorosa attenzione all’equilibrio del piede è anche fondamentale nella gestione di queste lesioni.
I segni clinici possono richiedere ≥6 mesi per migliorare e la condizione può ripresentarsi.
Dopo un periodo iniziale di riposo in box, la lesione dovrebbe essere rivalutata con l’esame fisico e l’ecografia per parametrare l’evoluzione della guarigione, riprendendo gradualmente l’esercizio o passo a mano. La decisione relativamente all’aumento del carico di lavoro dovrebbe basarsi sui risultati dell’esame piuttosto che sul tempo trascorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *