Fratture delle Ossa del Piccolo Metacarpo nei Cavalli | Osteopata Ginnastica Equino Roma – OSTEOPATA MARZIALE

Fratture delle Ossa del Piccolo Metacarpo nei Cavalli | Osteopata Ginnastica Equino Roma

OSTEOPATA D.O.m.R.O.I. Corso Roma | Isola del Liri

Fratture delle Ossa del Piccolo Metacarpo nei Cavalli | Osteopata Ginnastica Equino Roma

Novembre 28, 2018 patologie cavallo 0

Di M.T. Brokken, Osteopata Equino Veterinario – Clinical, College of Veterinary Medicine, Roma

Le fratture delle ossa metacarpali e metatarsali rudimentali, dette comunemente “ditini” sono una causa comune di zoppia nei Purosangue da corsa al Galoppo. Il fattore scatenante è il trauma da sovraccarico biomeccanico. La diagnosi di medicina veterinaria si basa sulla  radiografia. La chirurgia in artroscopia è il trattamento di scelta clinica veterinaria. Successivamente, la fisioterapia animale e l’osteopatia equina aiutano nel dolore post-chirurgivco e nella riabilitazione al ritorno in allenamento e alle corse.

    1. Cos’è
    2. Cosa tratta
    3. Tipi di approccio

Le informazioni presenti in questo articolo sono di carattere generico e sono fornite a scopo educativo e di intrattenimento. Nessuna informazione presente deve essere considerata come consiglio medico o come soluzione ad un problema di salute. Giuseppe Marziale Osteopata non divulga servizi medici o servizi professionali sulla salute e non garantisce l’accuratezza e la completezza delle informazioni rese disponibili. Nel testo, non tutte le persone possono seguire questi consigli. Consultate il vostro medico di fiducia per accertare che condizioni vi permettano di poter praticare in totale sicurezza i consigli proposti da Marziale Giuseppe Osteopata. Giuseppe Marziale Osteopata non è responsabile per danni, infortuni, danni fisici o altri danni alla vostra persona. Proseguendo la lettura di questo articolo sollevi Marziale Giuseppe Osteopata da ogni responsabilità derivante dal suo utilizzo e accettate di utilizzare le informazioni presenti a vostro rischio.


Che cos’è la frattura del ditino (2°4°osso metacarpale) nel cavallo zoppo



La prima piscina coperta a Roma per il tuo cavallo atleta

>>CHIAMA e PRENOTA<<



1.Che cos’è la frattura del ditino (2°4°osso metacarpale) nel cavallo zoppo

Gli arti anteriori sono più colpiti dei posteriori e l’arto anteriore sinistro ( cavalli anziani, sia trottatori che ambiatori che purosangue) è mediamente più coinvolto del destro associato a  desmite del legamento sospensore del nodello. La causa può essere il trauma diretto, come l’interferenza della gamba controlaterale o un calcio, ma spesso un accumulo di tessuto fibroso dovuto a una riabilitazione ”fatta male” di una desmite del sospensore del nodello provoca frattura da stress del ditino nei cavalli. Il solito sito di queste fratture è attraverso l’estremità distale, a circa 5 cm dalla punta con conseguente infiammazione acuta, che di solito coinvolge anche il legamento sospensore del nodello. La zoppia è tipicamente notata (può essere inizialmente severa), che può recedere dopo diversi giorni di riposo e ripresentarsi solo dopo il lavoro.


La diagnosi della frattura del ditino (2°4°osso metacarpale) nel cavallo che zoppica



Il tuo cavallo zoppica ma non ha alcuna ferita? Come mai?

>>CHIAMA e PRENOTA<<



2. La diagnosi della frattura del ditino (2°4°osso metacarpale) nel cavallo che zoppica

La diagnosi di medicina veterinaria è confermata dalla radiografia. L’esame ecografico del legamento sospensorio può anche essere utile per determinare per guidare un programma di riabilitazione.


Il trattamento della frattura del ditino (2°4°osso metacarpale) nel cavallo zoppo



L’ettrostimolazione muscolare, sotto la guida di un fisioterapista animale, contribuisce a limitare la fibrosi muscolare



3. Il trattamento della frattura del ditino (2°4°osso metacarpale) nel cavallo zoppo

La rimozione chirurgica della punta fratturata e del callo è il trattamento di scelta medico veterinaria. Le fratture dell’osso possono richiedere la stabilizzazione chirurgica dell’osso mediante viti per prevenire l’instabilità. La durata del riposo post-chirurgico si basa sulla gravità della desmitie del sospensore del nodello associata, che va curata con la fisioterapia animale e l’osteopatia equina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *