Vomito nel bambino, come comportarsi – OSTEOPATA MARZIALE

Vomito nel bambino, come comportarsi

OSTEOPATA D.O.m.R.O.I. Corso Roma | Isola del Liri

Vomito nel bambino, come comportarsi

Marzo 20, 2019 benessere bambino 0
  1. Reflusso
  2. Causa
  3. Segni e Sintomi
  4. Diagnosi
  5. Medico Pediatra
  6. Osteopata del Bambino e del Neonato


Le informazioni presenti in questo articolo sono di carattere generico e sono fornite a scopo educativo e di intrattenimento. Nessuna informazione presente deve essere considerata come consiglio medico o come soluzione ad un problema di salute. Giuseppe Marziale Osteopata non divulga servizi medici o servizi professionali sulla salute e non garantisce l’accuratezza e la completezza delle informazioni rese disponibili. Nel testo, non tutte le persone possono seguire questi consigli. Consultate il vostro medico di fiducia per accertare che condizioni vi permettano di poter praticare in totale sicurezza i consigli proposti da Marziale Giuseppe Osteopata. Giuseppe Marziale Osteopata non è responsabile per danni, infortuni, danni fisici o altri danni alla vostra persona. Proseguendo la lettura di questo articolo sollevi Marziale Giuseppe Osteopata da ogni responsabilità derivante dal suo utilizzo e accettate di utilizzare le informazioni presenti a vostro rischio.


IL NOSTRO MOTTO: PROFESSIONALITA’, IGIENE E SICUREZZA

>>CHIAMA e PRENOTA<<



1.reflusso nel bambino?

l reflusso del neonato consiste nella risalita del cibo ingerito dopo una poppata o un pasto. Colpisce il 50% circa dei bambini fino al 18esimo mese.



l’osteopatia pediatrica è il fiore all’occhiello della medicina preventiva



2. Cause del reflusso nei bambini

Il cardias nei bambini fino al 18esimo mese è ancora immaturo e aperto e non funziona bene muscolarmente come nell’adulto. Altre cause che possono incidere sulla comparsa del reflusso sono:

  • latte
  • bolle nello stomaco
  • bere molto in fretta
  • alimentazione eccessiva


Piede Piatto? È la postura?

>>CHIAMA e PRENOTA<<



3. segni e sintomi del reflusso nel neonato

Il segno più caratteristico del reflusso del neonato è il rigurgito fino alla bocca, a cui può aggiungersi anche il vomito. I sintomi del reflusso nel neonato sono:

  • scarso appetito
  • crescita rallentata
  • diminuzione del peso corporeo
  • pianti dopo i pasti e di notte
  • tosse
  • difficoltà respiratorie


Dieci anni di dolore, ma alla fine ho vinto la cistite



4. Diagnosi di reflusso nel bambino

Il medico pediatra effettua una visita accurata al bambino e, qual’ora rilevasse complicanze, sottopone il bambino a test diagnostici quali:

  • L’ecografia per la stenosi pilorica
  • Esame del sangue
  • RX per monitorare lo stato di salute delle pareti interne di stomaco e intestino
  • L’endoscopia del tratto digestivo se vi sono restringimenti o stati infiammatori (per esempio esofagite)


VI METTIAMO IN CONTATTO CON I MIGLIORI PEDIATRI IN ZONA

>>RICERCA ELENCO<<



5. Trattamento medico per il reflusso del neonato

Il Pediatra raccomanda la cura farmacologica se i rimedi naturali risultano inefficaci. Nei bambini molto piccoli, i farmaci potrebbero provocare anche gravi effetti collaterali quali disturbi gastrointestinali e infezioni intestinali o delle vie respiratorie. L’intervento chirurgico consiste in una suturazione di una parte dello stomaco attorno alla base dell’esofago nel caso di reflusso del neonato grave che non risponde ad alcun altro rimedio o trattamento.



Bambini prematuri, una guida per aiutarli a crescere



6. Osteopata del Bambino e del Neonato per il reflusso lieve

L’Osteopata del Neonato consiglia:

  • piccole e frequenti quantità di pasti
  • rallentare la velocità di somministrazione del cibo
  • soste durante il pasto
  • far fare il ruttino a fine pasto
  • mantenere il bambino in posizione verticale durante le poppate

L’Osteopatia Pediatrica, in complementarietà e su consiglio del Medico Pediatra,  può intervenire agendo su diverse strutture: la base del cranio (in particolare l’occipite) allentando la compressione sul nervo vago; la colonna dorsale alta in mezzo alle scapole, che è la zona che va ad innervare il cardias; in più può andare ad agire direttamente sull’addome, con approcci che rilasciano la parete gastrica, la parte bassa dell’esofago e il diaframma. Si tratta sempre di approcci molto delicati, che non disturbano il bambino e che, in poche sedute, consentono di migliorare notevolmente il problema fino a risolverlo, specie se si abbinano ai consigli sull’allattamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *